Tuesday, February 10, 2009

A RAGOGNA la presentazione del libro nella serata in cui Eluana Englaro ci ha lasciati




La notizia della morte di Eluana Englaro è giunta proprio mentre stava presentando l’autore, ovvio che il discorso non è potuto non scivolare anche su come le Tv stanno seguendo la vicenda della giovane figlia di Beppino. Questo quanto accaduto lunedì sera a Ragogna all’assessore provinciale alle politiche sociali, Adriano Piuzzi, all’incontro promosso dal sindaco della locale Amministrazione Comunale, Mirco Daffara, di presentazione del libro di Daniele Damele “Genitori, figli, media e non solo – Per un uso corretto degli strumenti di comunicazione”. Immediata la reazione della sala alla notizia su Eluana fornita dallo stesso Piuzzi: tutti si sono immediatamente alzati in piedi per un momento di raccoglimento senza alcuna sollecitazione. Poi lo stesso Piuzzi ha proseguito affermando che “occorre una maggiore presenza delle istituzioni accanto ai giovani come pure delle famiglie, specie nel delicato rapporto tra minori e media”.
Un concetto ripreso dal sindaco Daffara e sul quale si è a lungo soffermato Damele che ha domandato se “qualcuno si è chiesto cosa può provocare nelle menti pulite dei bambini lo psicodramma mediatico creato all’insegna dello spettacolo dalle Tv nazionali e da certi siti e blog sul caso Englaro?”.
Nel dibattito che ha fatto seguito alla presentazione del libro sono stati, quindi, analizzati vari aspetti riferiti al rapporto genitori-figli con riferimento all’utilizzo, talvolta non consapevole e corretto, da parte dei giovani dei cosiddetti new media.
L’assessore Piuzzi ha, in proposito, inviato tutti a “prestare maggiore attenzione dedicando del tempo a questi delicati temi in quanto accanto a scuola e famiglia anche i media sono, ormai, un’agenzia educatrice per i modelli comportamentali che propongono a tutti noi”.

No comments: