Saturday, December 08, 2007

DAMELE sull'Euroregione di Timisoara che unisce Romania, Ungheria e Serbia


"Timisoara è il capoluogo della Quinta Euroregione che include province della Romania, della Serbia e dell’Ungheria. Notevoli sono i progetti comunitari e il favore degli investimenti europei in loco tenendo conto della realtà geopolitica circostante, in vista dell’Europa del domani che dovrebbe essere l’Europa delle Regioni": è quanto dichiarato dal docente universitario isontino Daniele Damele al convegno del Centro studi internazionali della Regione Friuli Venezia Giulia Heliopolis promosso nella sede dell'associazione Italo-Americana di Trieste su "Le Euroregioni nel loro contesto istituzionale ed amministrativo".
Damele ha così riferito che "il triangolo economico Timişoara-Novisad-Szeghed permette una gestione di tre realtà differenti con l’Ungheria e la Romania ormai entrate in Europa e la Voivodina (Serbia) che tramite quest’Euroregione può iniziare un discorso di cooperazione geopolitica, culturale e socio-economica che miri ad un futuro integrato in Europa anche della Serbia". Per Damele "in questo senso anche il progetto della Tv transfrontaliera nelle lingue romena, croata, serba e ungherese evidenzia una volontà di crescita e di interscambio culturale interetnico".
Il docente goriziano ha ancora affermato che "l’allargamento dell’Ue disegnerà un’Europa meno carolingia e più baltica, ma ora sarebbe del tutto opportuno non attendere i tempi lunghi del Corridoio 8 realizzando al più presto un collegamento tra Costanza, sul mar Nero, e Trieste sull’Adriatico, altrimenti saranno altre direttrici, quelle dell’Europa baltica, a raccogliere il volume dei traffici e degli scambi interculturali che presto si svilupperanno tra l’Est e l’Ovest del nostro Continente".
Da ultimo alcuni dati: "sono oltre 15 mila gli italiani che popolano il distretto romeno di Banat, composto dalle province di Timisoara, Arad e Caraş Severin. Le aziende italiane o miste con presenza d’italiani in loco sono oltre 3 mila. Almeno 1.500 i veneti presenti, mentre dal Friuli – Venezia Giulia giungono circa 300 persone (5.000 è il numero totale degli imprenditori italiani presenti nell’intera Romania per un totale di oltre 12 mila società con più di 600 mila dipendenti).

No comments: