Tuesday, September 11, 2007

Indagine coi giovani del Malignani: le proposte


"Proseguiremo la positiva collaborazione con il Malignani anche nel nuovo anno scolastico 2007/08 con proposte concrete che andranno a colpire l'indifferenza che è un disvalore con forme innovative ritenendo fondamentale spezzare la consuetudine e gli equilibri creatisi facendo incontrare persone che non si conoscono e aprendo ai ragazzi un ventaglio di possibilità e conoscenze": commenta così il lavoro svolto con l'indagine su 400 studenti delle classi prime e seconde dell'Iti di viale Leonardo da Vinci il presidente del Coordinamento Euretica, Alessandro Grassi (nella foto con Damele), il quale anticipa che "gli studenti delle differenti classi potrebbero collaborare fianco a fianco nella realizzazione di finalità comuni, incentivati da un possibile premio e dall’essere legati a un obiettivo che dia lustro al gruppo creato. Ciò comporterebbe in aggiunta la nascita di nuove amicizie, l'incontro su valori positivi e una drastica riduzione dell'indifferenza nelle relazioni”.
Grassi dopo aver ringraziato il Malignani e Damele per la positiva collaborazione posta in essere, ha ricordato che “lo sport potrà essere utilizzato come mezzo per trasmettere messaggi positivi e come collante e attrattiva per i giovani al fine di stimolarli alla solidarietà. Ma pensiamo anche a utilizzare i new media, così in vigore tra i ragazzi, per far registrare loro, ad esempio, video di azioni positive ed educative al fine di proporre modelli comportamentali sani”.
Dal canto suo il docente di etica e comunicazione all'università udinese, Daniele Damele, ha affermato che "indifferenza e bullismo derivano anche dai messaggi presentati da tv, internet e videofonini. Non si deve criminalizzare tali mezzi, ma utilizzarli positivamente come indicato da Grassi. E' una sfida che possiamo lanciare ai ragazzi".
Sfida che è accolta dal preside del Malignani, Arturo Campanella, il quale si è detto soddisfatto di quanto realizzato e interessato a proseguire collaborazioni che possono risultare utili alla crescita equilibrata dei giovani realizzando proposte didattico-formative e altre iniziative culturali.

No comments: