Saturday, August 25, 2007

DONAZIONE di organi: informare correttamente


Chiediamo cortesemente di poter replicare alla lettera del medico Gabriele Piccini apparsa lo scorso 24 agosto sul Messaggero Veneto di Udine. Innanzi tutto vorremmo informare che l'organizzazione socio-sanitaria nazionale non riguarda l'espianto-trapianto di organi, ma correttamente il prelievo-trapianto di organi e tessuti. Si definisce, invece, espianto il prelievo di un organo già trapiantato (caso che accade qualora una persona si sottoponga a un secondo trapianto).
Scientificamente è stato provato a livello mondiale che il prelievo di organi in presenza di morte cerebrale non è affatto un "sacrificio di se stessi". In ogni caso l'Aido promuove la sensibilizzazione per una scelta consapevole e informata sulla donazione di organi, tessuti e cellule. Preferiamo un no consapevole al nulla.
Rispettiamo ogni posizione, ma contrastiamo la disinformazione che coincide con il parlare di "cupa anticipazione di morte" oppure col definire "falso ideologico" la morte cerebrale che la scienza ha, invece, perfettamente definito. Oggidì, peraltro, le nuove strumentazioni diagnostiche (ad es. pet) impediscono qualunque forma di errore in caso di minimo dubbio.
Ognuno può essere libero di dire la propria e anche di parlare di "predazione di organi", ma dev'essere supportato non da convinzioni personali, bensì da dati scientifici che oggi danno ragione a chi promuove la cultura del dono e non a chi la avversa.
Nulla replichiamo rispetto alle allusioni sul presunto "vaso di Pandora" che starebbe dietro ai trapianti. La nostra Regione e le Asl operano molto bene e non meritano certo tali riferimenti. Se in Friuli il numero dei donatori è così elevato è perché qui la gente ha un cuore d'oro tanto da non volerselo portare inutilmente all'aldilà e accanto a Regione e Asl le associazioni per la donazione operano, nonostante talvolta con qualche competitività tra loro, non certamente idonea, costantemente correttamente e proficuamente nei riguardi della comunità locale.

Consiglio Provinciale Aido Udine
http://www.aido.it/

No comments: