Friday, January 30, 2009

SAFER INTERNET DAY: utilizza davide.it


SAFER INTERNET DAY: PROTEGGIAMOLI SUBITO... NON DOMANI, OGGI!
Il 10 febbraio prossimo è il Safer Internet day, la giornata dedicata alla sensibilizzazione per la tutela dei minori online.
Ma la sensibilizzazione da sola non è sufficiente, occorre difendere subito i nostri ragazzi! Gli strumenti ci sono, perché non usarli?
L'Associazione Davide invita tutti a promuovere l'uso del filtro:
inviate mail ai vostri contatti, parlatene con i vostri conoscenti, incoraggiate le scuole a dotarsi di una protezione Internet, se siete iscritti a Facebook coinvolgete i vostri amici.
Tutti gli utenti che si registreranno il 10 febbraio avranno, insieme alla sottoscrizione del filtro, anche un abbonamento gratuito alla rivista per ragazzi Mondo Erre per 1 anno.
Per saperne di più: http://www.davide.it/viewart.php?idart=300

Wednesday, January 28, 2009

TI ASPETTO LUNEDI' 9 FEBBRAIO A RAGOGNA alle ore 20.30


Ti aspetto lunedì 9 febbraio alle ore 20.30 al Centro Culturale "R. Battistig" a San Giacomo di Ragogna (UD) in via Roma, 23, per la presentazione del mio libro “Genitori, figli, media e non solo. Per un uso corretto degli strumenti di comunicazione” – Minerva edizioni. Saranno presenti il sindaco di Ragogna, Mirco Daffara, e l’assessore provinciale alle politiche sociali di Udine, Adriano Piuzzi.
Ingresso libero.

Daniele Damele

Sunday, January 25, 2009

FIDAL PROVINCIALE DI UDINE: il nuovo direttivo 2009-2013


Il neo-presidente del comitato provinciale della Federazione italiana di atletica leggera (Fidal), Adriano Di Giusto, subentrato a Mario Gasparetto, ha riunito la nuova "squadra" e assegnato gli incarichi: Domenico Pispisa è stato confermato vicepresidente vicario mentre Gianpaolo Cargnelli sarà l’altro vicepresidente.
A Daniele Damele è stato chiesto di occuparsi dei rapporti coi media e con gli Enti pubblici, a Remolina Zilli è andata l’organizzazione degli eventi e a Piero Blanchini il settore amatori/master.
Pispisa si occuperà anche della segreteria e dei rapporti coi giudici di gara, Cargnelli delle relazioni con le scuole, ma coordinerà anche il settore tecnico. Fiduciario tecnico è stato nominato Stefano Secco.
Damele e Blanchini ricercheranno anche contributi economici per rendere autonomo il comitato che tornerà a riunirsi martedì 3 febbraio.

Friday, January 16, 2009

RICORDO DI VALDUGA: mandi President!


Adalberto Valduga, presidente degli industriali del Friuli Venezia Giulia se e è andato a 67 anni. Mi fa piacere ricordarlo con una parola: concretezza. L’ingegner Valduga non aveva mai nessun tipo di svolazzo, aria fritta nemmeno a parlarne, quello che chiedeva erano dati, analisi, verifiche, proposte operative per contribuire a favorire il confronto e soprattutto la crescita sociale ed economica del Friuli.
Credeva fortemente nella comunicazione. Ogni volta che rilasciava un’intervista ai quotidiani regionali era immancabile, il giorno dopo, una sua telefonata. Mi chiedeva un pensiero, possibili reazioni, sempre preoccupato a non creare mai polemiche, ma a indicare un percorso su cui confrontarsi, come ha fatto alla fine dello scorso anno appellandosi ai sindacati per cercare un’unità d’intenti al fine di contrastare l’attuale crisi.
Il ricordo più bello di Valduga sta nell’ultimo suo intervento da presidente camerale allo scambio degli auguri per il Natale 2006: si riferì ai collaboratori di Udine economia (mensile alla cui guida mi volle proprio quell'anno) affermando che “l’intera Giunta camerale apprezza il vostro lavoro, continuate così, sempre alla ricerca della verità rendendo un servizio alla comunità economica friulana”, ma anche e soprattutto nelle parole del presidente della Cciaa di Udine, Giovanni Da Pozzo: “era diventato friulano come noi”. In queste parole ci sta dentro tutto, ma soprattutto i valori che il bellunese Valduga ha preso da questa terra e oggi lascia in questa terra. La sua azione “concreta” rimarrà per noi un punto di riferimento costante.

Graziis President!

Daniele Damele

Sunday, January 11, 2009

TV PUBBLICA francese sensa spot


E’ entrata in vigore all’inizio del 2009 la riforma, lanciata ormai un anno fa dal presidente francese Sarkozy, finalizzata a eliminare la pubblicità dalle televisioni pubbliche francesi. I canali del gruppo France Television (France 2, France 3, France 4, France 5 e France O) hanno infatti eliminato tutti gli spot, per ora nella fascia dalle 20 alle 6 e, in maniera definitiva entro il 2011. Si calcola che il gruppo pubblico francese rinuncerà a circa 450 milioni di euro di pubblicità, che confluiranno in gran parte verso le reti private Tf1 e M6.
Il pubblico francese ha aderito con entusiasmo all’iniziativa giacché l’auditel è stato assolutamente elevato: oltre tre milioni di telespettatori in più del solito! E se adottassimo anche in Italia un analogo provvedimento? Alcuni sosterrebbero che sarebbe una manovra a favore di Mediaset più che degli utenti che pagano il canone Rai? Invece sarebbe una manna!

Daniele Damele

Wednesday, January 07, 2009

VITTORINO MELONI ci ha lasciato


Ciao Vittorino,

ciao Direttore. Il 2009 si apre con la notizia della tua scomparsa. Mi dispiace molto. Ho iniziato a scrivere seriamente mentre Tu eri direttore del Messaggero Veneto, mi hai insegnato tante cose, ma è stato soprattutto dopo il tuo pensionamento che siamo diventati addirittura amici.
Molti ti avevano voltato le spalle, non servivi più, io ti cercai.

Molte le telefonate che mi facevi ed era sempre un piacere dialogare con te. Molti i commenti su persone, politici, imprenditori. Eri un gentiluomo, una persona perbene e, credimi, è sempre più difficile trovarne in giro. Il Friuli intero ti deve molto. Ricordo ancor oggi il tuo ultimo editoriale "In nome del Friuli", di attualità tuttoggi per una Regione che deve la sua specialità, oggi, proprio solo al Friuli.

Grazie di tutto. Mi resta Michele, Tuo figlio al quale mi lega un'amicizia fraterna. A lui giungano le mie più sentite condoglianze.

Addio Direttore.

Daniele Damele

TG1: .... e il Friuli?



Il Tg1 delle ore 20 del giorno dell'Epifania ha dato notizia che a Cervinia hanno sciato delle befane. La stessa cosa è accaduta il giorno prima a Tarvisio, ma nulla....
Lo stesso Tg1, stessa edizione, ha dato notizia che a Treviso si è fatto un falò della befana in piazza. La tradizione dei "pignarui" friulani non ha trovato la minima citazione. Peccato!

Daniele Damele