Tuesday, May 06, 2008

DA STRASBURGO al via i progetti per i minorenni: Pedopornografia on line, stop ai pagamenti


Prende corpo la strategia europea a favore dei minorenni. A seguito dell’ adozione da parte del Parlamento di Strasburgo della risoluzione (a firma della deputata di An Roberta Angellilli), la Commissione europea sta delineando i punti dell’ implementazione della strategia d’ azione. Tra questi l’ istituzione del numero unico europeo (116000) di assistenza ai minorenni, e l’ istituzione di un meccanismo di stop ai pagamenti effettuati a mezzo carte di credito o pagamenti elettronici su internet per l’ acquisto di immagini di abusi sessuali su minori.
Grazie alla collaborazione operativa della Commissione europea con l’Agenzia europea dei diritti fondamentali, si sta anche ultimando la messa a punto di una banca dati europea sulle condanne per abusi commessi sui bambini, affinché i colpevoli non abbiano accesso a lavori che li mettano in contatto con minorenni.
Il Parlamento ha poi chiesto agli Stati membri di potenziare i meccanismi di controllo sui contenuti della programmazione televisiva nelle fasce orarie con un maggior pubblico infantile. La relazione approvata lo scorso 16 gennaio impegna infatti le istituzioni europee a inserire e promuovere i diritti di bambini e ragazzi in tutte le politiche dell’ Unione europea.
Si articola intorno a sette obbiettivi specifici: quelli a breve termine sono appunto l’istituzione di un numero unico europeo di assistenza ai minorenni e di un numero per hotline dedicate ai bambini scomparsi o vittime di sfruttamento sessuale, la lotta agli acquisti pedopornografici su internet e quella alla povertà infantile nell’Unione.
Quelle di medio termine sono l’ assicurazione che tutte le politiche estere e interne dell’Ue rispettino i diritti dei minorenni, la volontà di creare una legislazione comune in materia di adozioni internazionali e ancora misure mirate nei confronti di minorenni Rom e di strada, promuovendo campagne di scolarizzazione, per contrastare gli alti livelli di dispersione scolastica e progetti per la prevenzione e assistenza sanitaria, comprese le vaccinazioni.
I diritti dei minorenni sono parte integrante dei diritti dell’uomo, che l’Unione europea è tenuta a rispettare in virtù dei trattati internazionali ed europei in vigore. La stessa Unione europea ha riconosciuto espressamente i diritti dei minorenni nella Carta dei diritti fondamentali.


Daniele Damele

No comments: