Thursday, March 20, 2008

BULLISMO: bisogna mettere in campo inizative adeguate


Le vicende di bullismo ormai non si contano più; sembra addirittura che, con la possibilità di mettere tutto ‘on line’, il fenomeno sia cresciuto; quasi che la sola idea di poter diffondere le proprie gesta spinga a inventarsi un modo per vessare i più deboli. Sembra quasi che queste ingiustizie vadano ‘normalizzandosi’ tanto che a volte si possano compiere sotto gli occhi di tutti certi di farla franca. E’ l’impressione che si ricava, ad esempio, pensando a quanto è accaduto a Torino, dove una banda di ragazzini ha aggredito, picchiato e rapinato un quindicenne sul bus senza che nessuno intervenisse. Il tutto puntualmente filmato con i videofonini e pronto per finire sulla rete. “E’ ora che istituzioni e famiglie” – ha detto Daniele Damele, docente di etica e comunicazione all'ateneo udinese – si confrontino insieme sul da fare e sulla necessità di recuperare modelli educativi fondati su valori comuni forti ed in grado di far uscire i giovani da un clima di lassismo diffuso. Tanto per cominciare si potrebbe riflettere sull’uso improprio che viene fatto del cellulare, che da strumento di comunicazione sembra diventare mezzo di vessazioni e minacce. Bisogna partire dal rispetto delle regole civili fino ad arrivare, senza perdere tempo, ad un’ ‘etica nell’uso della tecnologia’, di cui ogni giorno di più si sente il bisogno”.

No comments: