Tuesday, August 21, 2007

LUCIGNOLO: modelli fuorvianti per i giovani


Ieri sera, 20 agosto, Lucignolo ha mandato in onda l'ennesimo show di Melita, la diavolita con tanto di tette e culi al vento poco dopo le ore 21 quando la fascia di programmazione dovrebbe essere quella della "Tv per tutti", ovvero anche per i bambini. Da tempo sostengo che queste dosi massicce di sesso possono provocare eccessi prematuri di desideri, appunto sessuali, tra i ragazzi che, invece, hanno diritto a una crescita equilibrata nel tempo anche dal punto di vista della scoperta dell'altro sesso.
Ma passi anche il sesso in vetrina a tutti i costi. Quello che è inaccettabile della pur brillante trasmissione di Italia1 di ieri sera è stata la proposta del "furbetto del quartierino", il banchiere sotto processo di Lodi proposto quale esempio per i giovani.
No, non ci siamo. Francamente quello spazio con il "sermoncino" riservato ai ragazzi da chi ha ingannato tutto e tutti proprio non va bene. Si corre il rischio di passare il messaggio che anche se sbagli e commetti reati puoi risorgere, magari nel mondo dello spettacolo grazie a un'amicizia, quella di un dello spettacolo, quel Lele Mora anch'egli indagato dalla magistratura e sempre osannato da veline e appunto furbetti.
Già in passato Lucignolo ha indugiato su Fabrizio Corona, altra figura che i media propongono quale modello, ma si tratta di esempi diseducativi e fuorvianti. Ora ci dobbiamo forse aspettare Lucignolo sulle orme di Valentino Rossi e le sue tasse non pagate?

Daniele Daméle

No comments: