Sunday, February 11, 2007

DAMELE e don Rolle contro il cartoon "Yu-Gi-Oh GX"


Daniele Damele e don Ilario Rolle, rispettivamente docente di etica e comunicazione all'università di Udine-Gorizia e "papà" del filtro salvafamiglie on line www.davide.it hanno segnalato al Comitato di controllo sul codice di autoregolamentazione Tv e minori la violazione del codice, a loro dire, perpetrata da Italia1 domenica mattina con il cartoon "Yu-Gi-Oh GX". Secondo i due esperti di comunicazione "i protagonisti della storia duellano evocando spiriti e poteri oscuri mediante l’uso di carte magiche. Carte magiche che, peraltro, sono esposte per la vendita in bella vista nelle tabaccherie. Un percorso da manuale di perfetto marketing. Solo che i destinatari sono i più piccoli, che si siedono indifesi davanti al televisore, e vengono proiettati in un universo particolare dove, ad esempio, c’è un dio malvagio di 5.000 anni fa che ritorna per risucchiare la vita degli umani in modo da sopravvivere lui stesso. E come si fa a resistergli? Solo attraverso l’uso magistrale delle carte magiche, a patto che se ne abbia una collezione completa, naturalmente".

Damele e don Rolle hanno ricordato che "il tutto è condito da grida esasperate, rumori improvvisi, flash ravvicinati di immagini, ritmo estenuante, termini violenti e suggestivi, ed ottimamente confezionato in modo tale da mettere a dura prova anche la resistenza critica di un adulto mentre i bambini non sono in grado di separare mai completamente realtà e finzione, anche se mostrano notevoli capacità di ragionamento".

Vengono, peraltro, segnalati da genitori italiani casi di bambini particolarmente esagitati nel proiettarsi nei duelli con queste carte, nei quali bisogna invocare ad alta voce lo spirito al quale ci si vuole rivolgere, e il gioco viaggia intorno ad un inganno maligno che ha a che fare coi poteri della magia oscura, coi mostri resuscitati, i posseduti che ritornano, anime che vagano disperate, le valchirie che escono dai sarcofagi, i demoni selvaggi, la sepoltura prematura e ancora altro occultismo; anche la Chiesa ha alzato la voce contro questo fenomeno, nel quale è difficile non riconoscere un odor di satanismo.

Damele e don Rolle hanno così rilevato che "non si deve mai estremizzare, né drammatizzare, né invocare censure, ma in questo caso il Comitato Tv e minori riteniamo farebbe bene a vigilare perché il meccanismo è davvero pericoloso, mescolato com’è anche a buoni sentimenti, come il valore attribuito all’amicizia tra il protagonista ed il suo gruppo, che li aiuta a resistere alle forze malvagie. In tempi in cui quasi tutte le tv sono pervase di violenza e quindi è quasi impossibile tenersene lontano, si deve evitare che i bambini siano anche subdolamente immersi in pantani spiritistici e satanici, ma soprattutto in suggestioni di cinica quanto spudorata finalità commerciale".

No comments: